OLS-Logo120.gif

12 gennaio 2013
di OLS
0 commenti

OLTRE LA SPECIE

Oltre La Specie Onlus è un’associazione animalista antispecista fondata nel 2002.
Sono molte le associazioni che oggi si occupano di animali, tanto che esse costituiscono una vera e propria ‘galassia’ assai variegata. Oltre La Specie non vuole mettersi in competizione con nessuna di queste, anzi intende collaborare con loro, nell’ambito dei propri limiti statutari e delle sue linee-guida, nell’organizzazione della sua attività, auspicando momenti di confronto e collaborazione.
Scopo principale dell’associazione è la divulgazione di una riflessione filosofica, etica e politica e di una cultura che, rifiutando l’antropocentrismo, portino ad abolire quella linea di confine che storicamente è stata tracciata fra l’uomo e gli altri animali.

A tale scopo verranno diffusi testi, prodotto materiale, promossi conferenze e tavoli, organizzati incontri nelle scuole, mostre itineranti, manifestazioni.

Oltre La Specie ha un sogno e si adopera per realizzarlo: quello di una società libera e liberante, costruita sull’uguaglianza e sulla giustizia, nella quale ogni sfruttamento ed ogni schiavitù siano definitivamente aboliti.

catania

3 maggio 2016
di OLS
Commenti disabilitati su Barbarie e inciviltà a norma di legge alla fiera di San Gregorio (CT)

Barbarie e inciviltà a norma di legge alla fiera di San Gregorio (CT)

Condividiamo il comunicato di Francesca G., attivista per la liberazione animale

La capra appena venduta fugge terrorizzata e cerca di nascondersi nel piccolo gruppo delle altre che si ammucchiano nell’angolo più lontano del recinto. La gente intorno ride, in attesa di vedere quanto tempo impiegherà l’allevatore prima di bloccarla. Ma è questione di un paio di minuti, solo il tempo di vedere crescere la paura in questi animali rinchiusi nello steccato dove non si apre nessuna via di fuga. “Ecco, l’ha presa!”. Le persone continuano a ridere e a gridare, finalmente sono soddisfatti per la cattura. Fra di loro ci sono anche dei bambini. La capra appena venduta viene presa per le zampe e passata al suo acquirente, che se la porta a casa, sempre tenendola sospesa da terra per le zampe. Nient’altro che merce.

Questa condizione degli animali, visti come semplici oggetti da scegliere e ai quali attribuire un prezzo, stride con gli occhi terrorizzati di questa capra portata via. Continua a leggere →

13 aprile 2016
di OLS
Commenti disabilitati su Migranti e ribelli

Migranti e ribelli

frontiere

Idomeni, al confine fra Grecia e Macedonia, 2016 (o qualunque altro luogo in cui esseri desideranti provano a fuggire dalla guerra e dalla morte)

Da mesi migliaia di profugh*, circondat* da barriere di filo spinato, vivono nel fango, sotto simulacri di tende per proteggersi dalla pioggia incessante, in famiglie o singolarmente, qualcun*, in questa immane tragedia, è accompagnat* da una gatta, da un cane o da qualche altro animale, compagni di questo viaggio che è la vita. Scappano dalla fame, dalla guerra, dagli attentati che hanno reso macerie le loro case e hanno sottratto loro perfino la possibilità di esistere, scappano perché la vita è più forte di qualsiasi altra forza e li/le spinge a provare altrove, in quei Paesi che hanno così tanto contribuito a creare questo immane disastro. Nessun Paese li/le vuole, sono indesiderat*, perché la moltitudine potrebbe influenzare i nostri rapporti sociali, le modalità di produzione, la distribuzione della ricchezza. Allora vengono tenut* lì, in una “terra di nessuno”, con la segreta speranza che “scompaiano” per fame, per mancanza di assistenza, di stenti, di altro. E se provano ad evadere dal ghetto in cui sono stati violentemente confinati, cosa c’è di meglio dei gas lacrimogeni o dei proiettili di plastica, come monito per chi ancora volesse intraprendere questo esodo ribellistico, per ricordare a tutt* la violenta brutalità del dominio su chi non sta al proprio posto e cerca di sovvertire la fissità dei confini, per provare a ridisegnare un mondo altro?
Continua a leggere →

5 aprile 2016
di OLS
Commenti disabilitati su Il “nazianimalista” nuoce gravemente agli animali

Il “nazianimalista” nuoce gravemente agli animali

la struttura della democrazia, kantor

Maxim Kantor, Structure of democracy, 2003-2004

Giuseppe Cruciani infierisce sulla condizione degli animali sfruttati.
Come molti altri, abbiamo taciuto per decenza.
Si sa, ai provocatori non si risponde, perché ti portano sul loro stesso livello per poi batterti con l’esperienza.
Hanno risposto, invece, alcuni “vegani” e altri che, come dice testualmente Michela Brambilla, hanno pensato di rappresentarci: abbiamo assistito a tentativi poco riusciti di difendere ognuno le proprie ragioni e i propri obiettivi personali. Ad esempio, in uno dei tanti dibattiti a La 7, Catherine Spaak ha cercato di spostare la bagarre dal piano delle accuse reciproche alla questione etica (e politica, aggiungiamo), ma tutto è scemato in un nulla di fatto.
Da parte nostra cerchiamo di sviluppare pensieri e pratiche e di comunicarli per mezzo dell’attività che svolgiamo, ritenendo deleterio l’approccio scandalistico dei talk-show per l’approfondimento e la comprensione di questioni tanto complesse. Continua a leggere →

leoni

23 febbraio 2016
di OLS
Commenti disabilitati su Con i “dovuti” modi. Gay e animali: chi mandare al tappeto stavolta?

Con i “dovuti” modi. Gay e animali: chi mandare al tappeto stavolta?

leoniCon i “dovuti” modi

Gay e animali: chi mandare al tappeto stavolta?

Succede che nelle Filippine il pugile Pacquiao in tv dice: «I gay sono peggio degli animali». E chissenefrega – penserete! Non è una novità: di scemi in giro ce n’è a bizzeffe. Eppure la notizia sta facendo il giro del mondo sulla via dello stupore dell’opinione pubblica, anche perché l’otto volte campione del mondo è candidato al senato nel suo paese e di conseguenza resterebbe da discutere di un’incompatibile incontro fra sport e politica. Neanche a dirlo, infatti, la leggenda sportiva in questione fa parte dello schieramento cristiano conservatore e alla domanda su cosa pensi delle unioni fra persone dello stesso sesso ha risposto così: «Si tratta di buon senso, vedete per caso animali che si accoppiano con esemplari dello stesso sesso? Gli animali sono migliori perché sanno distinguere i maschi dalle femmine». «Se gli uomini vanno con gli uomini e le donne vanno con le donne, allora sono peggio degli animali».
Queste parole hanno suscitato immediate reazioni, fra cui quella di un altro parlamentare filippino, José Maria Viceral, che è gay dichiarato, il quale replica che «gay, bisessuali e transgender sono esseri umani, non animali». Da più parti (i cosiddetti cattolici moderati s’intende…) si rammentano le recenti parole “sante” di Papa Francesco, «il quale neppure lui condanna i gay»: «Se una persona è gay, cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarlo?». Tralasciando –tutti – di aggiungere gli ultimi commenti che lo hanno visto protagonista in occasione dello storico incontro con il patriarca di Mosca Kirill. Nella dichiarazione comune la ritrovata unione fra le due famiglie religiose sancisce unanime che “la famiglia è fondata sull’amore di un uomo e una donna”. Mica male come messaggio di pace visto anche come se la passano i/le ‘non etero’ in Russia e dintorni. Continua a leggere →

26 novembre 2015
di OLS
Commenti disabilitati su Intervista su “Corpi che non contano. Judith Butler e gli animali” – Radio Svizzera Italiana

Intervista su “Corpi che non contano. Judith Butler e gli animali” – Radio Svizzera Italiana

ccnccopertIntervista di Letizia Bolzani ai curatori di Corpi che non contan. Judith Butler e gli animali (Mimesis 2015) per il programma di approfondimento culturale Geronimo”, puntata del 3 novembre 2015, Radio Svizzera Italiana.

Link al podcast della puntata

Link per il download